martedì 10 luglio 2012

CINQUANTA SFUMATURE DI NERO di E.L. James

Profondamente turbata dagli oscuri segreti del giovane e inquieto imprenditore Christian Grey, Anastasia Steele ha messo fine alla loro relazione e ha deciso di iniziare un nuovo lavoro in una casa editrice. Ma l'irresistibile attrazione per Grey domina ancora ogni suo pensiero e quando lui le propone di rivedersi, lei non riesce a dire di no. Pur di non perderla, Christian è disposto a ridefinire i termini del loro accordo e a svelarle qualcosa in più di sé, rendendo così il loro rapporto ancora più profondo e coinvolgente. Quando finalmente tutto sembra andare per il meglio, i fantasmi del passato si materializzano prepotentemente e Ana si trova a dover fare i conti con due donne che hanno avuto un ruolo importante nella vita di Christian. Di nuovo, il loro rapporto è minacciato e a questo punto Ana deve affrontare la decisione più importante della sua vita, e può prenderla soltanto lei... 


Cinquanta sfumature di grigio mi aveva lasciata sospesa, desiderosa di scoprire il seguito e di capire il segreto di Christian. Così ho comprato la seconda puntata di questa trilogia animata di buone aspettative - non grandi, il primo libro non era comunque un super bestseller, però mi aveva divertito - che sono state disattese. Mentre Cinquanta sfumature di grigio ha comunque una grande tensione narrativa dettata da una trama che ha degli sviluppi e dei giochi interessanti (come le mail o gli sms che si mandano i protagonisti ad esempio, o il contratto tra i due), Cinquanta sfumature di nero delude su tutti i piani. Sembra una "melina" cartacea, un romanzo nato solo dal presupposto di occupare pagine.
Il grande segreto di Christian era di fatto già rivelato... mancava davvero poco per prefezionare la definizione del suo atteggiamento verso le donne e il ricordo del passato era già abbastanza esplicitato da piccoli flash nel primo libro. E poi, NON SUCCEDE NIENTE. Il romanzo è infarcito da scene erotiche che dovrebbero appassionare e invece sono ripetitive e melense; la corrente di attrazione tra di loro è sempre a mille - anche e soprattutto quando sono arrabbiati -; i personaggi di contorno - a partire da Jack, il nuovo capo di Anastasia, a Mia, Ethan, José ecc. - sono davvero poco articolati; le scene romantiche sono stucchevoli e inutili - come quella del catamarano...
Insomma, grande delusione per una trilogia cominciata tutto sommato bene. Non so se comprerò il terzo libro perché con questo siamo davvero scaduti verso gli Harmony. Per carità, non sono una di quelle che legge solo alta letteratura, e sono convinta che uno dei maggiori fini della lettura è quello del divertimento. Tuttavia... c'è un limite a tutto.

Giudizio da 0 a 5: 2.
Consigliato a chi: anche non consigliato. Credo possa piacere solo alle affezionate lettrici di Harmony.
Curiosità: il "Nero" che campeggia sul titolo dovrebbe essere cambiato in rosa. Ad ogni modo "Cinquanta sfumature di grigio" è in testa a tutte le classifiche. Furbacchioni... La Universal Pictures si è aggiudicata i diritti per la trasposizione cinematografica del libro. I primi rumors dicono che gli interpreti protagonisti potrebbero essere Angelina Jolie nei panni di Anastasia e Ryan Gosling (nella foto, già visto in Drive) nei panni di Christian Grey. Che ne pensate?

Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget