lunedì 30 gennaio 2012

Damned di Claudia Palumbo


"Le canzoni non ti tradiscono", dice Ligabue. Ma le persone sì. Cathy, occhi blu e una ciocca viola che fa capolino tra i capelli nerissimi, lo ha scoperto quando Mirko, il suo primo amore, l'ha irrimediabilmente ferita. È per questo che ha messo in valigia la sua chitarra e i suoi diciott'anni, e ha lasciato la città dov'è nata, Napoli, per raggiungere la madre in Germania. E cercare, laggiù, di rimettere insieme i pezzi sparsi del suo cuore. Ma Cathy non sa che a Madenburg, cupa cittadina tedesca, l'aspetta il destino. Un destino che comincia quando, a un concerto nella nuova scuola, su di lei si posano gli occhi indagatori di Tristan e Konstantin Von Schaden, voce e basso della band del momento, i Damned. Due gemelli che non si assomigliano, se non per un particolare: la straordinaria bellezza. E il potere quasi ipnotico che i loro sguardi, e la loro musica, esercitano su Cathy. Tristan e Konstantin entrano così nella sua vita, sconvolgendo ogni certezza: perché custodiscono un antico segreto, e la loro è una storia maledetta, e maledettamente affascinante. Quando Cathy, attratta da entrambi, capirà di amare davvero uno solo dei due, scoprirà però che non sempre l'amore basta. A volte, s'intromette il destino, e quello di Cathy - anche se lei ancora non lo sa - è di lottare contro il Male. E contro le creature dell'ombra come i fratelli Von Schaden. Una scelta che solo il cuore può compiere, un duplice amore che sfida il tempo, una lotta epica tra Bene e Male.

Una ragazza di sedici anni inizia a scrivere una storia di vampiri e la fa leggere alle sue migliori amiche. I capitoli cominciano a circolare in classe e i suoi compagni attendono il seguito in fremente attesa. Da lì a poco tutta la scuola è coinvolta nella lettura di un libro, Damned che poi arriva sulla scrivania della Sperling & Kupfer. La casa editrice lo legge e decide subito di pubblicarlo. Sembra una favola, e invece è accaduto veramenta a Claudia Palumbo, di Torre del Greco (NA), che oggi di anni ne ha diciannove. 
Damned racconta una storia romantica, è un Young Adult che racchiude in sé tutte le icone della letteratura dark fantasy di questi ultimi anni: un amore bello e dannato, una protagonsita combattuta e inconsapevole delle proprie forze e qualità, l'ambiente scolastico, gli amici, una famiglia sempre in equilibrio negli affetti e nei modi di esplicitarli. Claudia si destreggia agilmente in questo terreno, costruendo un'immagine forte dei due gemelli protagonisti, Tristan e Kostantin, e intessendo la trama di colpi di scena. Il linguaggio è semplice, veloce, intriso di romanticismo e di immagini rubate alle riviste per adolescenti ("il suo bacio aveva un sapore di caramello"). E' un libro che parla in modo specificio a un pubblico prettamente Young che ha voglia di sentirsi raccontare una favola, elemento peraltro ricordato anche nelle ultime pagine del volume.

Giudizio da 0 a 5: 3 e mezzo.
Consigliato a chi: non ha più di vent'anni, ama il romanticismo, i vampiri e le storie non sempre a lieto fine.
Curiosità: i capitoli del libro hanno dei titoli (non sempre accade in questo genere di libri) molto originali e particolari. Dopo soli 12 gg il libro è entrato nella classifica dei 12 libri più venduti di Repubblica. Qui il booktrailer del volume http://www.youtube.com/watch?v=HFLitw8MB1c
La copertina è veramente stupenda.

4 commenti:

  1. Grazie mille per la fantastica recensione! Un bacio!

    RispondiElimina
  2. quando uscirà il seguito?

    RispondiElimina
  3. A dire il vero non so se ci sarà un seguito... ma lo chiedo a Claudia, che sicuramente ci farà il piacere di risponderci. Viceversa so per certo che Claudia sta di nuovo scrivendo per una nuova avventura editoriale.

    RispondiElimina
  4. Claudia Palumbo20 marzo 2012 15:08

    Ciao a tutti! Per prima cosa ringrazio Lorenza per la recensione e poi rispondo dicendovi che Damned è un libro autoconclusivo, quindi non ci sarà un seguito. In compenso, però, come ha detto Stefania, sto ultimando un nuovo libro che dovrebbe uscire entro l'anno prossimo! Un abbraccio
    Claudia

    RispondiElimina